Crea sito
Frontini, Francesco Paolo - compositore - Catania, 1860 - 1939








Piantai un fiore nel mese d'aprile,
Nel maggio mi sbocciò rosso avvampante;
Quel fiore siete voi, donna gentile,
Fioriste nel mio cor, donna galante.
Malìa - atto I scena V
Sito dedicato al mio bisnonno F. P. Frontini. - Pietro Rizzo




Nel 1939 con F. P. Frontini scompariva l'ultimo ramo di quel vecchio tronco catanese dal quale erano nati Verga, Rapisardi, Gandolfo…
-----------------------------------------------------------
Immaginate un nobile salotto milanese del 1883, in una di quelle belle serate, in cui signore eleganti e artisti e poeti disputavano d'arte, di letteratura e d'amore, dove, il già famoso “Vate” ( Mario Rapisardi ), Francesco Paolo Frontini, Giovanni Alfredo Cesareo mescolati con gli altri a conversare, a scherzare e a discutere, fermarono i criteri di poesia, per i quali i Siciliani a tutt'oggi conservano quel carattere proprio, originale e potente.
Fu allora dibattuto ed affermato l'avvenire del poema scientifico e della lirica, che, mettendo da parte il vuoto lusso delle descrizioni e le morbose efflorescenze dell'alessandrinismo, cantò dell'uomo forte, dell'uomo prudente e dell'uomo dominatore.
In pochi anni i destini di questi giovani artisti si separarono, per poi ritrovarsi, in avanzata età, nella loro amata Sicilia.

Moltissimi furono gli elogi che essi ricevettero dai più importanti esponenti della cultura  italiana ed europea, ma la fortuna non fu a loro propizia; anzi per M. Rapisardi e per F. P. Frontini, c'è da pensare che furono vittime di una vera e propria congiura, quella del silenzio, dell'invidia, dell'industrialismo settario, regionale e sfruttatore che hanno calpestato le migliori glorie del genio siciliano.

Fu così che il ”Poeta” tanto stimato sia da Victor Hugo, che a lui testualmente disse : “J'ai lu, monsieur, votre noble pòeme. Vous ètes un prècurseur…….”, sia da Garibaldi, che scrivendo al Rapisardi affermò : “ Ho divorato il vostro Lucifero. L' Opera grande! Voi avete scalzato l'idolo di tanti secoli e vi avete sostituito il vero. Se la metà degli italiani potessero leggerlo e comprenderlo, l'Italia avrebbe raggiunto il suo terzo periodo d'incivilimento umano……….”, venne attaccato senza una fondata giustificazione da Benedetto Croce e dagli amici del Carducci.

Stessa sorte spettò al Musicista Frontini, che nonostante artisti come  J. Massenet  gli scrivessero: ho letto le vostre composizioni e vi dico con gran piacere la bellezza che v' ho ritrovato. Quella musica m'ha fatto desiderare di confidarvi le mie impressioni. Invidio le vostre opere e voi scrivete in una lingua musicale che io amo!”, ancora E. Zola: “Votre mèlodie est charmante et d'un caractère èlevé” e G. Pitrè “ Tra gli artisti e compositori dell'isola, Voi siete, se non il solo, uno dei pochissimi che comprendono la bellezza e la grazia delle melodie del popolo…”. venne snobbato da quei critici del settore che peraltro furono capaci, in malafede, di mettere in cattiva luce la “ Malìa”.

I due artisti, niente potettero contro la camorra dei critici, dei politici, dei cattedratici , e ancor più grande fu il nocumento che ne derivò dopo la loro morte, posto che furono dimenticati anche dalla  loro amatissima Catania.
Del Rapisardi le ultime ristampe risalgono ai primi del 900, mentre del Frontini solo qualcuno ricorda vagamente la “Malìa”, rappresentata un'ultima volta nel 1957 al Teatro Massimo Bellini, per volontà del Pastura.

Significativa , a tal proposito, è una delle poche confessioni del Frontini,che vi lascio in ricordo :
" Morirò con una spina nel cuore, chi non mi conosce crederà che io non abbia saputo scrivere altro che "Il piccolo montanaro" e la "Serenata Araba “.

***

( Catania 1844 - 1912 )


Ho creduto e crederò sino all'ultimo istante che flagellare  i malvagi e smascherare gli ipocriti sia opera generosa e dovere massimo di scrittore civile.
M. Rapisardi






Carteggio Rapisardi - Frontini


 ........E partiranno le rondini e ritorneranno, torneranno tante volte coi loro voli e coi loro stridi felici; i due astri di un'epoca che diverrà sempre più remota riposeranno sempre più vicini.
 E il tempo farà crescere un rosaio vermiglio che allaccerà, in un unico abbraccio, le tombe del Poeta e del Musicista della Catania dell'ultimo ottocento.




Presentazione del nuovo album per canto e pianoforte
"Canti di Sicilia" ed. Da Vinci Classics
Giuseppe Federico Senfett : Pianoforte
Jennifer Schittino Soprano : Soprano



Un progetto di Roberto Frontini([email protected]) su la musica pianistica di Francesco Paolo Frontini


Del 10/12/09 - Francesco Paolo Frontini - Speciale - Un musicista ritrovato - QUI

Partecipa al sondaggio qui



I miei contributi su
--------





INTERVISTA a Piero Rizzo
VINCITORE DEL PREMIO Wikimedia Musica ( QUI





Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale dell'autore.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso,
che basta chiedere al seguente indirizzo    
- Progetto Frontini © no profit - Da un'idea di Pietro Rizzo - Webmaster - [email protected]



Lascia ch'io t'ami... 28/10/2009

***
Pubblicato il 05 feb 2015 Inno a Sant'Agata composto da Francesco P. Frontini nel 1886. -

-----------------------------------------




INTERVISTA  DEL 1911 A  F. P. FRONTINI   
La prima domanda fu - si capisce - sulle condizioni della musica moderna in Italia.
E la risposta poco rassicurante:
Confusionismo. Ecco la vera parola che compendia il bizzarro periodo di rilassamento che attraversano la musica italiana e il genere melodrammatico in ispecie. Confusionismo, e si può aggiungere affarismo pettegolo e sfacciato.
Oramai la musica è diventdta uno sconcio monopolio.
Gli editori mettono avanti uno o due autori che il
Pubblico preferisce e basta.
Dopo che li hanno sfruttati con indecente gazzarra di réclame e di indiscrezioni, li colano a fondo, E "'gli autori seguono la moda, abbandonano la grande arte italiana per accontentare il gusto del pubblico che paga.................
Francesco Paolo Frontini

Promuovi anche tu la tua Pagina
                          G. Cesare Balbo, 1905


............La musica del Frontini ci dà tutte queste cose; essa ci scuote perchè scritta con la sincerità di un' artista incorrotto, essa ci dimostra un cuore che sente e che ha un ideale di cui è gelosissimo.
La musica del Frontini che non si attiene solamente alla melodia, nè agli arruffamenti di un'armonia scientifica, non è una convenzione sistematica. Egli si mostra scevro di tutti questi convenzionalismi, che rovinano quasi sempre le intensioni oneste degli artisti timidi, e la sua musica è l'eco fedele, l' impronta originalissima di tutti i sentimenti che si avvicendano continuamente nell'animo suo, di quei sentimenti che bastano a sviluppare l' azione.
Egli ne ha fatto una scuola a parte ; egli che sente quest'aura di novella vita, scruta ancora nell'intimo del popolo che deve giudicarlo e scrive sotto l'impulso dell'ispirazione accoppiando ai canti un'adeguata armonia............................................


Riflessioni per gli addetti

« I critici pedanti —  dice il De Sanctis  — si contentano d'una semplice esposizione e si ostinano sulle frasi, sui concetti, sulle allegorie, su questo e su quel particolare come uccelli di rapina sur un cadavere . . . Essi si accostano ad una poesia con idee preconcette : chi di essi pensa ad Aristotele e chi ad Hegel.
Prima di contemplare il mondo poetico lo hanno giudicato : gl'impongono le loro leggi in luogo di studiar quelle che il poeta gli ha date. .... Critica perfetta è quella in cui i diversi momenti (per i quali è passata l'anima del poeta) si conciliano in una sintesi di armonia.
Il critico deve presentare il mondo poetico rifatto ed illuminato da lui con piena coscienza, di modo che la scienza vi presti, sì, la sua forma dottrinale, ma sia però come I'occhio che vede gli oggetti senza però vedere se stesso. La scienza, come scienza, è, forse, filosofia, ma non è critica ».
F. De Sanctis -  Saggi Critici - Morano - Napoli 1874

****
Esempio di pedanti
" Dante sia posto trai libri di erudizione, e della Commedia si lascino solo taluni pezzi che, raccolti e, come meglio si può, ordinati, formino non più di cinque canti. .,
Saverio Bettinelli (I)
" Bisogna gettare all'onda letea i nove decimi, più e non meno, della roba (sic) che il Rapisardi ha scritto, carezzato e ristampato, e sulla quale si fonda la sua notorietà: e, in questa cernita, non è facile impedire che le poche pagine degne di essere serbate non si precipitino a seguire la grande massa.
Benedetto Croce (2)

(1) In Lettere di Virgilio agli Arcadi di Roma — Lettera IX.
(2) In Critica; anno III, fasc. II, pag. 90 e seguenti.

*****
Mario Rapisardi - da Poemetti
e da Scherzi

*****

      

« ...affinchè alla divina arte de' suoni venga conservato il miglior suo pregio, cioè il cuore, l'affetto, la commozione, fa d'uopo che la parte melodica cantante sia il primo pensiero del compositore. Ove tal pregio predomini, anche le più arrischiate astruserie possono riuscire soddisfacenti e piacevoli. » (19 Giugno 1870 Lauro Rossi)




«Bisogna far conoscere interamente la vera, la grande anima della nostra terra.  La responsabilità maggiore di questa missione dobbiamo sentirla noi musicisti perchè soltanto nella musica e nel canto noi siciliani sappiamo stemperare il nostro vero sentimento. Ricordatelo».
Francesco Paolo Frontini  


Come l'ombra segue il corpo
così l'invidia segue la gloria






«Io sono partigiano del buon senso,
Nè al becero nè al Re fo di cappello;
Non soffro dittatori, e quando penso
Mi piace di pensar col mio cervello.
Rido del volgo ignobile e melenso
Che grida: viva a questi e morte a quello!
Scenda dal trono o sorga dalla via
Sono nemico d'ogni tirannia.»



Ho scritto malissimo lo so; e non per la fretta e la furia con cui ho scritto; ma perchè non so far di meglio. Mi biasimerai? Non m'importa. Non ho nulla da perdere nella fama.
-
Se, nonostante ogni mio studio, non sono riuscito a far niente di buono, la colpa non è certamente mia: la botte dà del vino che ha.
Pietro



Guestbook 2007/2008
Fondazione "Casa di Oriani"
Gentile Sig. Rizzo,
ho consultato il sito da Lei preparato su F.P.
Frontini: mi congratulo per la ricchezza delle
informazioni e per la gradevole presentazione. E le
auguro sinceramente che i suoi progetti di
valorizzazione abbiano un esito positivo.
Dante Bolognesi

Homepage: www.fondazionecasadioriani.it
Prof. Claudio Paradiso
Egregio Rizzo,
ho ricevuto da amici siracusani l'interessantissimo
profilo del compositore Frontini.
Complimenti.
Soprattutto per l'opera di divulgazione del nostro
patrimonio musicale che altrimenti
andrebbe disperso o, nel migliore dei casi,
dimenticato.
Homepage: http://www.fiatidiparma.com/Direttore/Direttore.html
Bianca Maria Antolini
Grazie,

segnaleremo il sito nel nostro prossimo Bollettino

Un cordiale saluto
Homepage: www.sidm.it/
Carlida Steffan
Gentile Maestro,
mi permetto di rivolgermi a Lei, dopo aver visitato il
suo sito del suo avo (bello ed interessantissimo).
Sto curando il volume sulle liriche da camera di
Bellini per l'edizione critica BMG Ricordi - Teatro
Massimo e sono per chiederLe un grande favore.
Non sono riuscita a trovare copia dell'edizione
dell'arietta O souvenir. Pagina d'album, descritta nel
suo sito, edita a Firenze nel 1901 e curata dal suo
avo.
Posso gentilmente chiederLe se ne ha copia
nell'archivio di Frontini?
In attesa di un suo cenno, La ringrazio per
l'attenzione che vorrà accordarmi.
Cordiali saluti.
Fribourg
Roberta Frontini
Sono la figlia di Fausto Quintino Frontini. Grazie per
questo sito...grazie per non far scordare il nome del
mio trisnono (si scrive cosi?). Mi dispiace ma abito in
Portogallo e non sò scrivere molto bene...Un
abbraccio :D

Email: [email protected]
Agostino Formica
Piero Rizzo, modesto quanto profondo conoscitore di
storia patria, ha la tempra, la passione, la
perseveranza, la determinazione del ricercatore. Con il
suo lavoro non solo riporta alla luce personaggi,
avvenimenti e "fatti" dimenticati ma ne fa
rivivere la grandezza, la complessità, per certi
versi l'attualità. Grazie di cuore, Piero, e ad
maiora.

Email: [email protected]
Giovanni Allevi
In fondo anche io ho fatto la mia parte, suonando di
recente "Il piccolo montanaro" a 4 mani con
Pippo Baudo a Domenica in qualche mese fa.
Con simpatia

Homepage: www.giovanniallevi.com
MARCO TRAVERSO
Credo in Dio,in Mozart,in Beethoven nei loro
discepoli e apostoli.

Credo nella verità di un ;Arte una e
indivisibile.
Credo che quest'Arte proceda da Dio e viva in tutti
gli uomini illuminati dal cielo.

Credo che colui che anche una sola volta ha gustato
la voluttà divina di essa le è devoto
per sempre e non può rinnegarla.

Credo che tutti possono divenire felici per mezzo
Suo.

Credo in un giudizio supremo in cui saranno
condannati tutti coloro che, sulla Terra ,hanno usato
per mestiere,mercanzia od usura di quest'Arte
sublime, disonorandola.

Credo che i fedeli discepoli di quest;Arte saranno
glorificati in un esistenza celeste radiosa dello
sfolgorio di tutti i Soli, tra i profumi degli accordi
più perfetti e riuniti per ;eternità alla
sorgente Divina
di ogni armonia .

Possa una sorte siffatta toccarmi. Cosi sia;

Richard Wagner
http://www.marcotraverso.eu/
[email protected]
Rocco D'Amore
Ti ringrazio di cuore per i file che mi hai allegato,
dandomi così la possibilità di rivivevere
un emozione che non provavo dai tempi dell'infanzia.

Saluti
Renato Toffoli
Gent.mo Sig. Rizzo,

abbiamo organizzato un concerto presso la Villa dei
Cedri a Valdobbiadene (TV) domenica 2 dicembre 2007
alle ore 17.30. Esso si aprirà con BACI MORTALI
di Frontini.
Cordiali saluti

Renato Toffoli

Homepage: www.tirindelli.org/
Dr. Roberto Frontini
Caro Pietro,

grazie veramente per questa pagina emozionante. Mi fa
piacere vedere il Nome di Francesco Paolo così
ben ricordato.
Tu sai che sono suo bisnipote e che la passione
musicale è rimasta nella famiglia. Io infatti ho
studiato direzione d'orchestra e sono stato 5 anni
direttore all' opera stabile di Lubecca (Germania), ho
diretto per quasi 25 anni l'orchestra giovanile di
Lubecca ed ancora adesso, - anche se ormai da anni dopo
aver studiato farmacia guadagno come direttore della
farmacia dell'ospedale universitario di Lipsia - non
manco ogni tanto di dirigere un concerto.
Nel mio sito (www.frontini.de) ho aggiunto un link a
questo sito die Francesco Paolo e spero che quando
avró piú tempo riusciró ad
eseguire le musiche di Francesco Paolo che fino ad
adesso non potevo per la mancanza degli spartiti.
Grazie ancora!

Email: [email protected]
Homepage: www.camerata-frontini.de/
Frontini Agata Antonina
Sono la figlia di Enrico Frontini, nipote di Francesco
Paolo. Vorrei sapere in che modo sei imparentato col
maestro.
Grazie, complimenti per il tuo sito. Hai fatto un
ottimo lavoro.

Email: [email protected]
virginia coppola gambino
Carissimo Maestro Piero Rizzo,
complimenti per il sito -accompagnato da una musica
"struggente" - che mi ha permesso di
conoscere tanti particolari sulla figura e l'opera del
Maestro F.P.Frontini. Già in precedenza , mio
Nonno Franco Gambino, mi aveva parlato e consigliato di
consultare alcune pubblicazioni sull'illustre Maestro
(credo che sia sempre alla ricerca delle pubblicazioni
ECO di SICILIA -introvabili-). Io ho 16 anni sono una
studentessa di LIUTO presso il conservatorio di Trapani
(Maestro Gianluca Lastrajoli di Firenze) con una grande
passione per la musica popolare siciliana inculcatami
dai miei nonni e da mia madre Irene Gambino. Dopo il
liceo, vorrei proseguire i miei studi per il corso di
"Direttrice d'Orchestra" approfondendo
ricerche e studi sulla musica popolare che i miei Nonni
mi hanno fatto AMARE !
Grazie per la Sua opera ed il Suo lavoro che mi
permetteranno in futuro di riassaporare quel mondo
incantato di fine 800 che con maestria viene riportato
dal Suo sito.
Complimenti ancora e........GRAZIE.
Virginia


Email: [email protected]
Homepage: www.giovannivarvaro.it
Carlo Caporossi
Carissimo, hai una grandissima ammirazione da parte
mia, stai praticamente
facendo con Frontini quel che io sto facendo con la
Vivanti.
Per mia sfortuna non sono suo parente, sono solo
l'ultimo dei suoi mille innamorati.
Ho avuto però la grazia di ricevere simpatia e
sostegno assoluto dai familiari di Annie e dagli eredi
del suo erede Marescalchi e dunque eccomi qua a gestire
il suo archivio e a ripubblicare le sue opere.
Un caro saluto

Homepage: www.annievivanti.it/
Maurizio Giarda
gentile Petro Rizzo,
mi scuso per il ritardo con cui Le scrivo.
La informo che il materiale che ci ha inviato è
stato inserito all'interno di Primonumero.it con il
riferimento del sito da lei creato.
La ringraziamo per la preferenza accordata.

Cordialmente,
Maurizio Giarda - Primonumero.it - Musica

Homepage: www.primonumero.it/musica/
Giampietro Tonon
Egregio signor Rizzo,
da lunedì 28 maggio sarà on line il link
"frontini.too".
Come detto segnaleremo il suo nominativo nella prossima
edizione di "Case di scrittori" per la nuova
voce "Rapisardi, Mario".
Grazie per la collaborazione
Salutissimi

Homepage: www.literary.it
The Delian Society
Caro Pietro,

Molto interessante.

Grazie !

Joseph Dillon Ford

Homepage: newmusicclassics.com/delian_society_ros
Annalisa Frotini
Che sorpresa! ho digitato Frontini per caso e mi
imbatto su un sito di un Frontini famoso..che bella
sorpresa. Comunque grazie per questa piacevole scoperta

Email: [email protected]
Salvatore A. Pizzuto Antinoro
Non ho parole. Sono rimasto ammaliato dal brano in
sottofondo nel suo sito. Ho scoperto in Frontini un
musicista straordinario.

Email: [email protected]
Michela
Complimenti Piero!!!
Hai fatto davvero un gran bel lavoro.Leggendo il sito
sono riuscita a cogliere oltre alla grandezza del
maestro Frontini,la passione che hai messo per la
creare tutto questo!
Continua........cosi'..............e' davvero un bel
lavoro.Un abbraccio,
Michela

Email: [email protected]
Gert Karl Schmucker
Homepage in modo bello fatto! Vi auguro ancora un altri
buoni tempo e piacevoli circa tutti gli ospiti del mio
homepage www.shoppingintheworld.com

Homepage: www.shoppingintheworld.com
Gianfranco Plenizio
..La mia impressione di musicista, dopo aver letto ed
eseguito parecchie delle sue opere, è che nelle
stesse - soprattutto in quelle giovanili - non manchino
alcune ingenuità di poetica e di scrittura.
(Legate anche allo spirito dell'epoca.) Ma che comunque
si possa individuare un "piglio" un
"nerbo" che nelle composizioni più
riuscite - e non sono poche - riesce a ricavare
notevoli effetti con un'immediatezza di comunicazione
folgorante.
Del resto a chi conosca i suoi lavori appare
indispensabile una rivalutazione critica obiettiva....
Homepage: www.eppoimorir.it
marika
Con questo bellissimo sito stai facendo germogliare
"l ultimo ramo di quel vecchio tronco
catanese".
Commossa, mi congratulo per tanta capacità.
Marika

Email: [email protected]
filippo liardo
Il sito mi sembra un ottimo contributo alla cultura e
alla storia della nostra terra. Grazie!
Filippo Liardo

Email: [email protected]
Homepage:www.artmajeur.com/filippoliardo/
Il Vice-Presidente - Renato Toffoli
Egr. Sig. Piero Rizzo,

un concerto nell'ambito della sesta edizione del
Festival Internazionale della Romanza da Salotto
sarà dedicato alla scrittrice Annie Vivanti e
verrà condotto dal Prof. Carlo Caporossi
dell'Università di Firenze. La serata si
terrà lunedì 7 Maggio 2007 a Conegliano
presso l'Auditorium "Dina Orsi" alle ore
20,30. Una rosa di composizioni per canto e pianoforte
farà da programma. Sarebbe per noi un
grandissimo piacere poter presentare anche VIOLE
BIANCHE di Francesco Paolo Frontini. Potrebbe indicarci
come poter recuperare una copia dello spartito (nel
più breve tempo possibile, in quanto dobbiamo
consegnare bozze dei vari programmi nei prossimi
giorni).

Nel congratularci per il bel sito Internet che ha
dedicato all'illustre musicista siciliano (in omaggio
del quale saremmo onorati se vorrà aiutarci a
organizzare un intero concerto nel prossimo futuro),

e in attesa di un Suo riscontro

i nostri più cordiali saluti

Il Vice-Presidente
Renato Toffoli

Homepage: www.tirindelli.org
Luigi Gandolfo
Gent.mo Sig. Rizzo

Ho visitato con piacere il sito da lei segnalatomi, che
aggiunge un tassello ad un periodo storico catanese
secondo me poco studiato nella sua interezza artistica,
noto solo per l'opera dei celebri scrittori dell'epoca
e totalmente dimenticato, almeno dalla maggior parte
della critica, per tutti gli altri spunti artistici che
pure vi furono.

Homepage: www.gandolfosfamilyarts.com/
Lucio Di Mauro
Mi complimento per il valore storico del sito e per il
percorso metodologico da te seguito, indubiamente
frutto di sincera passione. Ma il mio pensiero si
ferma, con grande compiacimento, ad un uomo dalle
sembianze caratteriali "dure" che oggi si
veste di una "sensibilità" da me
sempre riconosciuta.
La cultura è una necessità dell'animo.
Bravo Piero.


Email: [email protected]
annalisa romani
Come Giovanni Allevi anch'io faccio la mia parte
suonando ZUFOLATA( semplificata) nell'aula grande della
mia Scuola di Musica di Sassuolo (MO). Io la suono con
il cuore in festa e la mia Maestra Roberta sorride con
me. Grazie Maestro Frontini per tanta bella musica che
spero di suonare ancora e grazie al Sig Pietro Rizzo
per avermi risposto. Annalisa.

Email: [email protected]
Maria Girardi
La ringrazio moltissimo della cortesia e mi congratulo
per l'accuratezza della Sua ricerca su Frontini.
Molti cordiali saluti,
Homepage: www.sidm.it/
Giuseppe Sanalitro
Trovo il sito sul Frontini assai prezioso per la
divulgazione della sua grande figura. Davvero ottimo il
lavoro e la passione spesa per una causa, quella del
giuto riconoscimento ad un artista, che almeno i
siciliani dovrebbero, tutti quanti, portare avanti.
Nel mio piccolo, ho creduto opportuno inserire il link
di queste pagine nel mio sito.
Homepage: www.giuseppesanalitro.com
Fausto Quintino Frontini    
Un caloroso saluto a tutti coloro che con le loro
testimonianze fanno si che il nome del Maestro sia
sempre ricordato.

Email: [email protected]
Pina Stazzone    
Il nonno, che mi chiamava ;papuzza; ( al quale ero
particolarmente legata, innamorata dei suoi occhi e
della sua bonomia), felice, con la zia Angioletta,
quando, spesso, lo andavo a trovare, mi dedicò
anche una ;CANZONE DI MONTAGNA ; andante villereccio,
nel cui spartito; R. Izzo Napoli ; fece scrivere, a
stampa, alla cara nipote Pina Pappalardo Frontini.
Gli volli e gli voglio ancora bene.
Grazie Piero per quello che fai
la zia Pina


Email: [email protected]
Silvestro Stazzone    

Nel lontano 1957, sollecitato dal Maestro Pastura,
allievo devoto del Maestro Francesco Paolo Frontini,
ebbi il privilegio ; essendo allora Assessore
allo Spettacolo nella Giunta Comunale Catanese - di
ottenere che la Malia fosse inserita fra le opere in
programma al Teatro Massimo Bellini; non ebbi
difficoltà trattandosi di un maestro di grande
valore, conosciuto in tutta Europa per le tante
composizioni, peraltro ancora oggi suonate, per le
opere ed anche per i canti siciliani.
Della decisione presa dal teatro furono particolarmente
felici le figlie, le nipoti - una mia moglie - ed il
successo arrise alla iniziativa.
Nello stesso periodo fu realizzato un busto del Maestro
al Giardino Bellini di Catania nel viale degli uomini
illustri.
Ora, con nelle orecchie la musica dal bisnonno, e non
solo la Serenata Araba ed il Piccolo Montanaro, Piero
Rizzo, mio nipote e figlioccio, sta raccogliendo con
affetto, premura ed impegno quanto più di
materiale, perché Francesco Paolo Frontini sia
tenuto ancora presente tra i grandi e sia reso familiare anche alle nuove generazioni, che
sempre più amano ascoltare gli autori del
passato, le musiche e le melodie delle vecchie
generazioni, tante volte rimodulandole.
Bravo Piero,
zio Silvestro


Email: [email protected]
GLI AMICI DELLA SICILIA    

Un saluto dagli AMICI DELLA SICILIA!
Sarebbe interessante poter leggere su questo sito
qualcosa del Rapisardi ed ascoltare, direttamente,
qualcosa del Frontini.
Homepage: amicisicilia.altervista.org
Antonio Fabi    
Mi rallegro per l'alto livello tecnico e scientifico
del sito.
La figura di Frontini è di particolare interess
per me e per la Cappella Musicale di Urbino, che ho
l'onore di presiedere.
Confermo che inseriremo musiche del Maestro nei nostri
programmi del 2007 (V Centenario della fondazione
dell'Istituto) e, a tale riguardo, avremo modo di
mantenerci in stretto contatto.

Cordialmente
Antonio Fabi

Email: [email protected]
davide lo presti    

Complimentissimi per il Sito che rende - sempre poco-
lustro al Grande Maestro Frontini. Secondo la mia
modesta opinione dovrebbe organizzarsi con cadenza
annuale un "Premio F.P.Frontini" per
Complessi folklorici ed Artisti di Musica Popolare che
presentino le opere del Grande Maestro unitamente a
ricerche o composizione di.....bella Musica (se ne
avverte il bisogno ....! ) . Anch'io mi occupo di
ricerche sulle tradizioni poetico-musicali della mia
Sicilia e delle pubbliche relazioni di un'Associazione
Culturale per la valorizzazione delle Tradizioni
Popolari a Marsala intitolata all'illustre Artista
"Giovanni Varvaro" (pittore e musicista
eclettico). Complimenti ancora e....ad Majora ,
Davide Lo Presti -Marsala-

Email: [email protected]
valeria    
Per ringraziarti del prezioso lavoro ricorro ad un'
immagine estrapolata dall'ultimo libro di Baricco :
"... nessuno deve credere di essere solo,
perchè in ciascuno vive il sangue di coloro che
l'hanno generato, ed è una cosa che và
indietro fino alla notte dei tempi. Così siamo
solo la curva di un fiume, che viene da lontano e non
si fermerà dopo di noi."
Grazie per aver risalito parte del corso del nostro
fiume.

Email: [email protected]
franco gambino    
Carissimo Maestro,
come non complimentarmi per l'opera magistrale di
raccolta e per la fine cultura letteraria (vedi
aforismi).
Grazie per questa splendida "SERENATA ARABA"
che cercavo da tantissimo tempo.
Debbo la conoscenza del Tuo bellissimo SITO alla Cara
Maestra Sara Cappello.
Vorrei chiederTi un favore :
Non riesco a trovare i volumi "Eco di
Sicilia" del Frontini; La Ricordi da me
interpellata mi dice che non può venirmi
incontro.
Che indicazioni puoi darmi ?
Grazie anticipatamente.
E adesso mi presento a Te:
Franco Gambino (nipote del Pittore Futurista-
nonchè illustre cultore delle tradizioni
popolari ed esecutore di musica -Friscalettu,
marranzanu, chitarra etc- GIOVANNI VARVARO ) ho fatto
parte del Coro della Conca d'Oro diretto dal M°
Carmelo Giacchino -anni 50-
Ora mi occupo di ricerche assieme a mia moglie e dirigo
delle formazioni folkloriche - Sicilia Antica Messina,
I Casteldaccesi e la Corte del Duca a Casteldaccia PA-,
ed il Gruppo Folklorico di Mozia quì a Birgi
dove abito.
Grazie ancora per l'opera che svolgi, un caro Abbraccio
da un 65 enne -già direttore di banca-
ma da sempre cultore delle più autentiche
tradizioni popolari.
Cordiali SAluti-
Franco Gambino-

Email: [email protected]
Homepage: www.giovannivarvaro.it
elsye    complimenti
amico    grazie



****
Francesco Paolo Frontini


Francesco Paolo Frontini
  Francesco Paolo Frontini Francesco Paolo Frontini